Il cliente gentile

Cari amici,

una riflessione su questo cliente che gira in tutti i saloni, in tutti i negozi, in tutti i ristoranti:

“Io sono un cliente gentile. Tutti mi conoscono. Io sono quello che non si lamenta mai, indipendentemente dal servizio che mi viene offerto. Io siedo al ristorante ed attendo con gran pazienza che i camerieri si accorgano di me. Se entro in un grande magazzino per acquistare qualcosa mi avvicino gentilmente a qualche commesso. Se rifletto prima di prendere una decisione e noto che il commesso si irrita, mi scuso. Se il conto del ristorante è salato e così pure il cibo… io pago senza fiatare e… a volte lascio anche la mancia. Così si fa. Non urto mai nessuno, non critico, non farei mai una scenata in pubblico. Io sono un cliente gentile. E ora voglio dirvi anche chi sono:

sono quel cliente che non tornerà mai più!”. (anonimo gentile)

Tag:, , , ,

Categorie: Iniziative

9 commenti su “Il cliente gentile”

  1. Denise
    febbraio 28, 2014 a 10:40 am #

    E’ vero, tante volte siamo presi troppo da noi stessi e dai nostri problemi, che non ci accorgiamo di trascurare i clienti migliori, cosi li perdiamo senza rendercene conto. Giustamente il cliente viene da noi per stare bene e non per sentire le nostre lamentele.

  2. febbraio 28, 2014 a 6:09 pm #

    mai riscontrata una cosa simile…sei il cliente è davvero gentile e pensa tutto ciò elencato sopra ad esempio…non fà scenate e si scusa…se non gli viene offerto un buon servizio ti capisce..la sua indole è portata a fare quello..nel caso torna e gli viene ri-offerto un pessimo servizio…allora è meglio che cambi lavoro chi il servizio glielo da!….pero vabbè sono opinioni ad ognuno le sue!

  3. paola livorno
    febbraio 28, 2014 a 6:53 pm #

    verissimo,,ma noi con i nostri clienti non ci comportiamo cosi ,,,, grazie sempre hai suoi consigli ….basta metterli in atto non ci dovremmo trovare in certe situazioni basta ricordarci sempre di lei……….

  4. francesca cestaro
    febbraio 28, 2014 a 8:10 pm #

    Ricordo una delle sue lezioni dove diceva proprio questo. … che il cliente che non si lamenta mai se non facciamo attenzione sarà il primo ad andarsene ! E come al solito lei non sbaglia mai !!!

  5. ste
    febbraio 28, 2014 a 10:07 pm #

    quando si deve ragionare al rovescio? con alcuni bisogna ragionare al contrario: il “sì” vuol dire “no”, e il “no” vuol dire “sì”. Il dir male di una cosa è segno che la si stima, perché chi la vuole per sé, cerca di sminuirla agli occhi degli altri. non sempre la lode và presa sul serio, perché alcuni lodano buoni, e lodano cattivi. se per un certo tale nessuno è cattivo, significa che nessuno è buono! (baltasar graciàn,- l’arte della prudenza )

  6. fausto
    marzo 1, 2014 a 1:20 pm #

    È così noi pensiamo sia il miglior cliente, invece non dovremmo mai averne. …

  7. Isabella
    marzo 3, 2014 a 9:47 pm #

    E già …. Il cliente gentile e’ quello che vedi una volta sola!!!!! Grazie a lei per questa riflessione.

  8. aprile 29, 2014 a 5:07 pm #

    Ciao, molto bello il tuo blog. Questo articolo mi ha fatto riflettere molto. Ti seguo! Ciaooo

  9. maggio 6, 2014 a 9:41 am #

    Riflessione profonda quanto vera..!! Meglio i clienti più sinceri e diretti…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: