Clienti di serie B

hairdresser
Esistono nei nostri saloni clienti di serie B? No, direte voi. I clienti sono clienti. Hanno tutte la stessa importanza. Quelle fidelizzate sono da coccolare, quelle nuove sono da conquistare. Ed ecco che, senza accorgercene, iniziamo a parlare al femminile. Siamo sicuri di dedicare ai nostri clienti “uomini” le stesse attenzioni che riserviamo alle donne? Potete giurare di non aver mai detto: “Signora, le dispiace se faccio passare lui avanti, tanto ci metto solo cinque minuti a fare il taglio?”. Diamo loro gli stessi consigli, ascoltiamo le loro esigenze, proponiamo nuovi prodotti, offriamo loro caffè, come facciamo con le donne? In Danimarca questa innegabile e tangibile differenza di trattamento è finita addirittura al vaglio della Commissione delle pari opportunità. Una cliente di un salone danese ha protestato per la differenza tra il prezzo del taglio uomo (circa 48 euro) e quello da donna, superiore di 10 euro. Il proprietario del salone ha ricevuto una multa di 280 euro. Interessante è come il povero parrucchiere abbia tentato di difendersi: le diversità di listino dipendono solo dalle differenti esigenze delle due tipologie di clientela.
Queste “diverse esigenze”, non ci avranno portato ad avere clienti di serie B? Oggi più di ieri, per aumentare gli incassi, è importante curare e coccolare la categoria “maschile” (che spesso riempie i saloni in giornate come il martedì, mercoledì e giovedì).
E magari, perchè no, per evitare discriminazioni, distinguere solo i prezzi di taglio medio, corto e cortissimo…
Che ne pensate?

Tag:,

Categorie: Iniziative

3 commenti su “Clienti di serie B”

  1. Massimiliano
    maggio 26, 2013 a 6:42 am #

    Ottima idea,come al solito del resto…!!!!!

  2. Marianna
    maggio 26, 2013 a 6:59 am #

    È un’ottima idea che ho già messo in pratica nel mio salone, ed è molto apprezzata dalla clientela.
    Noto anche che la maggior parte delle mie clienti nuove abbandonano il vecchio parrucchiere per questo motivo: si sentono clienti B magari per il semplice motivo che fanno 3/4 passaggi all’anno.

  3. Gabriella galli
    maggio 28, 2013 a 10:49 am #

    Sono convinta del l’importanza cliente maschile ,in particolare settore curativo !!!!!! Ottimi clienti fidelizzati !!!!’

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: